Loading...

Certificazione degli impianti di protezione attiva antincendio

Certificazione degli impianti di protezione attiva antincendio

Mi interessa

Sei interessato al servizio "Certificazione degli impianti di protezione attiva antincendio"? Compila il seguente formulario e sarai contattato da un nostro consulente. I campi indicati con un asterisco (*) sono obbligatori.

Ho preso visione dell'informativa e acconsento al trattamento dei miei dati.

A chi è rivolto

Il servizio è rivolto alle attività ricadenti nell’elenco di cui all’allegato 1 del D.P.R. 151/2011 che debbano depositare la S.C.I.A. e che non abbiano a disposizione la dichiarazione di conformità rilasciata dall’installatore dell’impianto.

Riferimenti legislativi

D.M. n. 37/2008; UNI 10779 (impianti idranti); UNI 9795 (impianti di rivelazione e segnalazione incendi); UNI 12845 (impianti sprinkler); Regole tecniche di prevenzione incendi per attività “normate”

Sanzioni

Ai sensi del D. Lgs n. 139/2006, chiunque, in qualità di titolare di una delle attività ricadenti nell’elenco del DPR 151/2011, ometta di richiedere il rilascio della conformità antincendio è punito con l'arresto sino ad un anno o con l'ammenda da € 258 a € 2.582. Inoltre, il prefetto può disporre la sospensione dell'attività.

Modalita d'erogazione

1a fase Prova di funzionamento dell’impianto antincendio; verifica che le risultanze della prova siano conformi alla documentazione progettuale agli atti presso il Comando VVF e, più in generale, alla specifica normativa vigente.
2a fase ad esito positivo verrà redatta la certificazione attestante la funzionalità e l’efficienza degli impianti di protezione attiva antincendi.

Note al servizio

L’esecuzione della seconda fase è vincolata alla verifica positiva della prima fase.

Scadenza servizio

Il servizio è svolto prima di depositare la S.C.I.A. al Comando VVF / S.U.A.P.