Loading...

PREMIO GIORNALISTICO SILAQ “SICURI AL LAVORO” AL VIA LA 3a EDIZIONE

Torna il premio giornalistico “Sicuri al lavoro”, promosso da SILAQ per contribuire a tenere alta l’attenzione dei media sul tema della sicurezza sul lavoro, anche alla luce dei numeri drammatici di quest’emergenza: 383.242 denunce di infortunio, di cui 657 morti nei primi otto mesi di quest’anno (fonte INAIL), pari a tre decessi al giorno.

Controlli, formazione, lavoro stabile, rispetto delle norme di sicurezza, impiego delle nuove tecnologie: tanti sono i fronti su cui agire per limitare i rischi ed evitare i tragici incidenti che anche negli scorsi mesi hanno impressionato l’opinione pubblica. E altrettanti sono gli argomenti da approfondire per i giornalisti che vorranno partecipare al premio giornalistico promosso da SILAQ, candidando i lavori realizzati tra il 15 ottobre 2023 e il 31 marzo 2024.

Per maggiori informazioni vedi il bando in calce.

Premio Giornalistico SILAQ “Sicuri al lavoro”
Bando III edizione 2023/2024

«Uno scandalo inaccettabile per un Paese civile»: con queste parole, pronunciate in occasione della Giornata nazionale delle vittime degli incidenti sul lavoro, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha riassunto la gravità di una situazione che anche nella seconda metà del 2023 evidenzia la mancanza di una cultura diffusa della sicurezza e registra continue morti nei luoghi di lavoro. È un bollettino inarrestabile che nel 2022 si è chiuso con quasi 700mila incidenti denunciati, il 25,7% in più rispetto al 2021 (fonte Inail) e nell’anno in corso conta 3 morti sul lavoro al giorno. Dati che pongono l’Italia al terzo posto in Europa (dietro Cipro e Bulgaria) per il tasso di incidenza degli infortuni sul lavoro sul totale della popolazione (fonte Eurostat).
Per contribuire a tenere vivo l’interesse verso questo tragico tema d’attualità, SILAQ promuove la terza edizione del Premio giornalistico “Sicuri al lavoro”.

Stampa cartacea e web, tv e radio svolgono un ruolo fondamentale per sensibilizzare la società e le istituzioni rispetto all’importanza della sicurezza sui posti di lavoro e possono alimentare un costruttivo dibattito tra imprese, istituzioni, sindacati e mondo della ricerca per un’azione di prevenzione e contrasto comune.

In questa prospettiva il Premio giornalistico SILAQ “Sicuri al lavoro” intende stimolare la pubblicazione di inchieste e analisi che vadano oltre la mera notizia breve di cronaca e che mettano in luce:

  • gli aspetti economici, giuridici, sociali legati agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali;
  • le possibili soluzioni;
  • il contributo a rendere più sicuri i posti di lavoro e a limitare le malattie professionali che può arrivare anche dalle tecnologie più innovative e dalla robotica collaborativa;
  • l’importanza della formazione teorica e pratica fin dall’età scolare.

Destinatari

Possono partecipare al bando le giornaliste e i giornalisti pubblicisti, praticanti e professionisti che abbiano pubblicato articoli o inchieste su testate giornalistiche cartacee, web, radio-televisive e agenzie di stampa. Sono esclusi i membri della giuria, loro parenti e affini e coloro che abbiano in essere rapporti lavorativi con SILAQ.

Modalità di accesso

Sono ammessi i lavori pubblicati (massimo 4 per ogni candidato), secondo le modalità sopra indicate, dal 15 ottobre 2023 al 31 marzo 2024 e pervenuti entro e non oltre mercoledì 3 aprile 2024 tramite posta elettronica all’indirizzo email del premio: premiogiornalistico@silaq.it.

Giuria e selezione dei vincitori

La giuria è composta da esperti del tema della sicurezza sui luoghi di lavoro, appartenenti al mondo istituzionale, accademico e tecnico.
Una prima selezione degli elaborati da sottoporre alla valutazione della giuria sarà effettuata dalla commissione organizzatrice del Premio, composta da rappresentanti e collaboratori di SILAQ.
Entro il mese di giugno 2024 la giuria esprimerà il suo giudizio insindacabile basato su criteri di rilevanza e originalità dei contenuti, rigore scientifico e autorevolezza delle fonti citate, completezza e accuratezza dell’informazione, aderenza ai temi del bando. Entro lo stesso mese saranno resi noti i nomi dei vincitori: via mail ai diretti interessati e a tutti i partecipanti, sul sito di SILAQ, a mezzo stampa.
Il vincitore sarà proclamato pubblicamente in occasione della convention annuale del gruppo SILAQ, nell’autunno 2024.

Premi

È prevista la designazione di un unico vincitore che riceverà un premio tecnologico del controvalore di € 2.000 (duemila euro). Nel caso di lavori collettivi il premio sarà diviso tra gli autori. Inoltre la giuria si riserva di assegnare delle menzioni speciali a lavori particolarmente significativi e che si siano distinti per originalità, accuratezza ed efficacia informativa.

Scarica il bando completo

Giuria III edizione 2023/2024

  • Francesco Santi
    Presidente AIAS - Associazione Italiana Ambiente Sicurezza
  • Zoello Forni e Marinella De Maffutiis
    Presidente Nazionale ANMIL e Capo Area Attività istituzionali, Comunicazione e Relazioni esterne ANMIL - Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi del Lavoro
  • Carmine Esposito
    Consulenza tecnica per la salute e la sicurezza - Direzione regionale Lombardia INAIL - Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro
  • Roberto Giarola
    Direttore Ufficio per il coordinamento dell'attività giuridica, legislativa e del contenzioso - Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • Caterina Ledda
    Professoressa Associata di Medicina del Lavoro - Referente pro tempore Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro – Università degli Studi di Catania
  • Francesco D'Agostini
    Professore Associato di Igiene Generale e Applicata - Coordinatore Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro – Università degli Studi di Genova

Formulario candidatura servizi

Per inviare il suo servizio, le richiediamo di compilare il formulario sottostante. Il mancato o l’errato conferimento dei dati ritenuti obbligatori, contrassegnati con l’asterisco (*), comporta l’impossibilità di poter procedere con la valutazione del suo servizio. La invitiamo a prendere visione dell’informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679.

Dati personali

Dati servizio

Allega servizio *

Ho preso visione dell'Informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati.