Loading...
Data di pubblicazione: 17 Giugno 2019

SILAQ HEICH AR # 1

Paola Crestani
HR Manager Gruppo SILAQ

L’HR secondo noi

Quello che cerchiamo quando facciamo recruiting

Silaq Consulting è un’azienda caratterizzata da uno spirito imprenditoriale vivace e accelerato che la orienta in maniera distintiva verso l’innovazione. Qui sono tutti super tecnici, molto skillati e qualche volta overqualified. Quando sono arrivata, un anno fa, io che sono un’umanista, ho detto a me stessa: «Ecco, sei arrivata a Tecnopoli; ma non ti bastava un marito ingegnere?».

Tutti parlavano ad acronimi e io spalancavo gli occhi in una domanda che non aveva bisogno di parole per essere espressa: «Di cosa state parlando?», diceva il mio sguardo.

Poi mi sono spinta al di là di questa pellicola avvolgente – ma non isolante – di technicality e ho guardato oltre. Una passione forte per il proprio lavoro da parte di tutti; una capacità inclusiva rara da trovare. Tutti riuscivano a chiedermi qualcosa – nel senso che erano in grado di farlo – e sorridevano. Sono entrati nel mio mondo, e io nel loro, superando le barriere che si possono creare utilizzando linguaggi diversi, attraverso l'apertura mentale, la curiosità, la voglia di incontrare, la disponibilità a entrare in relazione e la volontà di comunicare.

Era così già prima, evidentemente, ma adesso che vogliamo raddoppiare il nostro fatturato nei prossimi 5 anni e puntiamo a differenziare il nostro business in maniera significativa – abbiamo inserito 21 persone tra luglio e dicembre 2018 – investiamo sempre di più nel giusto mindset, perché pensiamo che possa rappresentare la vera differenza nel raggiungere risultati d’eccellenza.

Quindi quale mindset andiamo cercando? Un growth mindset che fornisce il giusto atteggiamento per perseguire obiettivi sfidanti, ma anche i giusti occhiali per guardare la realtà che ci sta di fronte.

  • Energia: una tensione positiva a pensare e a fare, capace di generare interconnessioni e movimento. In fase di colloquio, ancor prima di somministrare prove, business case o test, l'energia arriva immediatamente e passa attraverso la capacità del candidato di raccontare la sua storia professionale, andando oltre la compilazione dei format richiesti.
  • Motivazione: difficile da trovare, ancor più difficile da sviluppare, ma è la vera intersection tra il candidato e la nostra azienda: «perché proprio noi, caro applicant?». E ancora: quale valore aggiunto potresti portare nella nostra realtà, con quale spirito di iniziativa entreresti nel nostro mondo? A quale bisogno rispondi venendo a lavorare qui, oltre che a quello di sostenerti?
  • Capacità di problem setting: focalizzare, analizzare e risolvere, anche attraverso soluzioni fuori dagli schemi, visione di insieme e capacità di cogliere collegamenti; e di calarli nella propria funzione in interconnessione con le altre. Perché nessuna intelligenza da sola basta più ad affrontare la complessità delle sfide che vogliamo affrontare.
  • Contenuti, dai quali, sia chiaro, non possiamo prescindere per veri risultati di efficacia.
    Ma non possiamo più non andare oltre.

Queste caratteristiche, per noi, distinguono le candidature eccellenti.

Quando racconto del mio lavoro ai miei figli e parlo loro dell’importanza del mindset, lo paragono alla polvere di fata. E sapete perché?

Perché davvero fa volare, segna la differenza e produce valore aggiunto.

Come dice l'illustre accademico statunitense Jim Collins, «anche una grande visione senza grandi persone è irrilevante...».

Torna alla lista degli articoli