Loading...
Data di pubblicazione: 22 Novembre 2019

Lettera a Babbo Natale

Flavio Rinaldi
Responsabile Sviluppo Gruppo SILAQ

«Papà, ho scritto la letterina a Babbo Natale e voglio consegnargliela di persona al Villaggio di Babbo Natale a Milano».

Cara figlia mia, come posso spiegarti con un linguaggio comprensibile a una bambina di 6 anni che... il cantiere del Villaggio di Babbo Natale è stato chiuso per gravi mancanze di sicurezza sul lavoro e di igiene e sequestrato dalla Procura di Milano? Chiuso perché si stanno costruendo casette storte dove non c’è spazio per tutti i regali e dove i dolcetti che si danno ai bimbi potrebbero non essere conservati bene...

«Papà, ma così ci impediscono di giocare e di fare le foto con Babbo Natale!».

Lo so piccola mia…

Come riportato da alcuni media l’appalto per la costruzione del Villaggio di Babbo Natale all’Ippodromo San Siro di Milano ha coinvolto circa 25 imprese, per cui, prima dell’inizio dei lavori, il Committente avrebbe dovuto nominare un Coordinatore in fase di progettazione che avrebbe dovuto esaminare ogni singola impresa e verificare che la documentazione sulla sicurezza fosse conforme alla normativa. Inoltre, il Committente avrebbe dovuto nominare un Coordinatore in fase di esecuzione lavori con il compito di controllare che le imprese designate lavorassero secondo i requisiti di sicurezza.

Come mai l’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) ha bloccato il Cantiere riscontrando gravi problemi di sicurezza sul lavoro e di igiene, infrangendo così anche i sogni di migliaia di bambini?

Dai controlli sembra che i ponteggi non fossero montati in maniera corretta, così come i lavoratori non fossero ancorati bene e svolgessero lavori ad altezze elevate con grave rischio per la loro incolumità.

In fase di aggiudicazione di appalto, chi avrebbe dovuto verificare il rispetto degli oneri della sicurezza?

Di certo non Babbo Natale, che è occupato in mille altre faccende!

Fortunatamente, come nelle migliori storie di Santa Claus, sembra ci sarà un lieto fine e che l’apertura del Villaggio verrà rimandata solo di una settimana… quindi per tutti i bambini “Il Sogno del Natale” diventerà realtà a partire dal 29 novembre.

Caro Babbo Natale… qui la situazione è drammatica. Nella mia letterina di papà ti chiedo, come regalo, che tu possa intercedere affinché il Villaggio possa veramente essere inaugurato il prossimo 29 novembre – nelle condizioni di massima sicurezza – e regalare a tutti i bambini il sorriso e la gioia che meritano; perché possano avere un ricordo meraviglioso della visita alla tua casa speciale.

Torna alla lista degli articoli